OpenCoesione, dati aggiornati al 30 aprile 2020

Sono pubblicati su OpenCoesione i dati sull’attuazione dei progetti delle politiche di coesione dei cicli 2007-2013 e 2014-2020, aggiornati al 30 aprile 2020.

Il costo pubblico complessivo degli interventi presenti sul portale è pari a 180,6 miliardi di euro, otto in più rispetto al 29 febbraio 2020. Per quanto riguarda i pagamenti, il totale è pari a 86,9 miliardi di euro.

Al 30 aprile 2020 i progetti presenti sul Sistema nazionale di monitoraggio e pubblicati su OpenCoesione sono 1.571.038, circa 6mila in più rispetto al bimestre precedente.

Al 30 aprile 2020 sono in totale 288 i Piani e Programmi monitorati. Sono sette quelli che entrano per la prima volta sul portale di OpenCoesione.

Vai al sito OpenCoesione.

Covid, Fondi strutturali 2014-2020: accordo per riprogrammazione dei Programmi Operativi

Presentato oggi alla Regione Lazio, alla presenza del ministro per il Sud e la coesione territoriale Giuseppe Provenzano, l’accordo per la riprogrammazione dei Programmi Operativi dei Fondi strutturali 2014-2020 in risposta all’emergenza COVID.

L’accordo ha un valore complessivo di 646,2 milioni di euro. L’effetto congiunto delle modifiche regolamentari adottate dalla Commissione europea e delle norme contenute nel Dl Rilancio consentono alla Regione Lazio di destinare alle finalità dell’Accordo 290,5 milioni di euro per quanto riguarda l’FSE e di 355,7 milioni di euro per quanto riguarda il Fesr. Inoltre prevede anche una premialità sulla nuova programmazione FSC 2021-2027 che per il Lazio varrà 333 milioni di euro, oltre al riparto che verrà fatto del Fondo, e che consentiranno di rafforzare ulteriormente la programmazione di lungo periodo in interventi fondamentali per il territorio (infrastrutture, reti idriche, bonifiche, ambiente e tutela del territorio).

In particolare si tratta di cinque misure principali:

1. 222,3 milioni di euro per la sanità: 140 milioni per le spese emergenziali e oltre 82 milioni per un grande piano di rafforzamento della sanità territoriale, con l’acquisto di tecnologie sanitarie come acceleratori lineari, angiografi, tac, risonanze magnetiche, mammografi, e per la sanità digitale;

2. 8,2 milioni di euro per l’istruzione e la formazione: con l‘acquisto di beni e attrezzature per gli istituti e per i beneficiari finalizzato al superamento del divario digitale nell’accesso all’istruzione e alla formazione professionale;

3. 133,4 milioni di euro per sostenere le attività economiche: con i fondi utilizzati per ampliare la platea dei beneficiari di “Pronto Cassa”, i prestiti di 10mila euro a tasso zero a imprese e professionisti, e un piano da ulteriori 51 milioni di euro per il contenimento temporaneo della pressione fiscale sulle imprese;

4. 237,2 milioni di euro per il lavoro: quasi 194 milioni per la cassa integrazione in deroga erogata dall’INPS e oltre 43 milioni per il sostegno ai redditi dei lavoratori dipendenti del settore privato, le indennità di tirocinio e lo sviluppo del lavoro agile (smart working);

5. 45,1 milioni di euro per interventi nel sociale: strumenti di conciliazione fra lavoro, formazione e cura dei minori, da una parte, e servizi di sostegno per le persone in condizione di fragilità aggravata dalla crisi, dall’altra. Per queste ultime, in particolare, pensiamo ad un piano per alleviare il peso delle rette universitarie per gli studenti per cui vogliamo investire 23 milioni di euro confidando che la Commissione europea acconsenta a questo utilizzo delle risorse comunitarie del Fondo sociale.

Con l’accordo viene garantita la copertura integrale degli interventi già identificati nei Programmi Operativi e non più sostenuti da risorse comunitarie. L’accordo prevede la rifinalizzazione dei fondi POR su 5 misure orizzontali: sanità, formazione, imprese, lavoro, sociale.

Si apre lo spazio per alcune importanti azioni strategiche che la Regione Lazio è pronta a proporre e che saranno oggetto di una concertazione con l’Europa, tra cui:

• 82 milioni per un grande piano di rafforzamento della sanità territoriale, con l’acquisto di tecnologie sanitarie (acceleratori lineari, angiografi, tac, risonanze magnetiche, mammografi), e della sanità digitale;

• 51 milioni per il sostegno alle imprese attraverso il contenimento temporaneo della pressione fiscale e intervenendo in particolare sul secondo acconto IRAP 2020 per le PMI laziali;

• 23 milioni per gli studenti universitari con un intervento per garantire residenzialità e borse di studio;

• Ulteriori investimenti per 156 milioni per la digitalizzazione e beni pubblici fondamentali, in particolare nel sistema scolastico; per l’acquisto di mezzi di trasporto non inquinanti per le imprese; per il rilancio dell’attività produttiva in agricoltura; per la promozione turistica del territorio; per il sostegno ai servizi per gli anziani e per le persone con disabilità.

LE IDEE DI TUTTI, IL LAZIO DEL FUTURO: il 1° luglio seconda tappa del road show a Viterbo

Il secondo incontro del ciclo “LE IDEE DI TUTTI, IL LAZIO DEL FUTURO. Da LazioLab a Lazio 2030: sostenibili ed inclusivi per essere competitivi”, si è svolto mercoledì 1 luglio dalle ore 16:00 alle 18:00, presso lo Spazio Attivo di Viterbo. Si è trattato di un importante momento di raccolta e analisi delle istanze dal territorio e di condivisione delle proposte nate dal lavoro svolto dal gruppo di esperti di LAZIOLAB, che nel periodo marzo-maggio ha messo a punto un programma di idee e iniziative per il rilancio e lo sviluppo della regione nell’era post Covid-19.

PARTECIPANTI
Daniele LEODORI – Vicepresidente e Assessore Coordinamento dell’attuazione del programma di governo e dei Fondi Comunitari (FESR, FSE, FEASR), Rapporti Istituzionali, Rapporti con il Consiglio regionale – Regione Lazio
Alessandra TRONCARELLI – Assessora Politiche Sociali, Welfare ed Enti Locali – Regione Lazio
Enrica ONORATI –Assessore Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali – Regione Lazio
Giuseppe CICCARONE – Ordinario di Politica Economica e Direttore della Scuola Superiore di Studi Avanzati (SSAS) – Sapienza Università di Roma – Componente dei tavoli LazioLab
Alessandro RUGGERI – Ordinario di Innovazione e Certificazione dei Prodotti – Università degli Studi della Tuscia – Componente dei tavoli LazioLab

Moderatore: Monica GIANDOTTI – Giornalista RAI

Guarda la sintesi dell’incontro

Guarda il video completo dell’incontro